IMAGE Eventi Slow 2016

Un elenco di tutti gli eventi che coinvolgeranno o che hanno coinvolto Slow Medicine nel corso del 2016.

  Continua...
IMAGE 14 maggio 2016 - Roma

Corso FADOI-ANIMO: la cura sobria, rispettosa e giusta in Medicina Interna
Nell’ambito del XXI Congresso Nazionale FADOI e del XI...   Continua...

IMAGE FNOMCeO

La FNOMCeO dedica uno speciale al congresso di Matera e alle scelte sagge in medicina proposte da Slow Medicine.

  Continua...
IMAGE Doctor 33, 11 maggio 2016

Choosing Wisely International, meeting all'insegna di appropriatezza e dialogo

“Ai concetti tradizionalmente espressi da Choosing Wisely,...   Continua...

IMAGE Il Sole 24 Ore - Sanità

Fnomceo-Slow Medicine: convegno a  Matera l’8-9 aprile
La comunicazione con il paziente, la medicina narrativa e il recupero della...   Continua...

IMAGE Slow Medicine cinque anni dopo

Genova Medica, marzo 2016

Il numero di marzo 2016 del notiziario dell'Ordine dei Medici di Genova riporta un breve articolo...   Continua...

Cosa è scientifico in medicina?
IMAGE

Pubblichiamo i commenti che ci avete mandato a proposito della stimolazione di Antonio Bonaldi “Cosa è scientifico in medicina?”

  Continua...
Malati per forza
IMAGE

Recensione di M.Bobbio su "Malati per forza. Gli anziani fragili e gli eventi avversi neurologici da farmaci." di Ferdinando Schiavo. Maggioli editore.

  Continua...
Aprile 2016 - Comunicato Stampa
IMAGE

Si svolgerà a Roma, nei giorni 11, 12 e 13 maggio 2016, il terzo meeting dei referenti di Choosing Wisely International, di cui Slow Medicine è parte con la campagna “Fare di più non significa fare meglio - Choosing Wisely...   Continua...

La FNOMCeO dice sì alla Slow Medicine
IMAGE Importante presa di posizione della presidente Chersevani, a seguito del congresso di Matera cui hanno partecipato i vertici FNOMCeO  nazionali e moltissimi presidenti di Ordini provinciali   Continua...

 

Torino - 30 Novembre 2013
Sala del Piccolo Regio - Piazza Castello 215

"Slow Medicine è il miglior tipo di medicina che possiamo augurarci per il 21° secolo", ha scritto nel dicembre scorso Richard Smith, per anni direttore del British Medical Journal.
E’ questo tipo di medicina che il II Congresso Nazionale di Slow Medicine propone ai professionisti sanitari, ai cittadini e a tutti coloro che si occupano di cure e di salute. 
L’esortazione che fa da titolo al Congresso, “Scegliere con saggezza”, si riferisce al progetto “ Fare di più non significa fare meglio”, su cui Slow Medicine sta lavorando con la collaborazione attiva di Società Scientifiche, Associazioni di cittadini, ordini e Collegi professionali. 
Tale progetto, attraverso l’identificazione, da parte delle Società Scientifiche, di cinque prestazioni sanitarie ad alto rischio di inappropriatezza, si propone di migliorare la qualità e la sicurezza degli interventi di prevenzione secondaria e delle cure, attraverso la riduzione, condivisa e voluta consapevolmente da professionisti e cittadini, di ciò che in sanità è inappropriato, cioè non vantaggioso per il malato, fonte di sprechi e potenzialmente dannoso. 
Si parlerà, in particolare, del perché la saggezza ha smesso di essere un ingrediente nelle scelte che riguardano la salute. Di come ritrovarla, di come ricostruire una nuova alleanza fra chi cura e chi è curato e di come trasformare in realtà una medicina sobria, rispettosa e giusta.