riflessioni-in-progress

FAST E SLOW MEDICINE: I SETTE VELENI E I RELATIVI ANTIDOTI

A cura di Antonio Bonaldi, con il contributo del gruppo “Slow medicine”

Opinione comuneEsempi e commenti

Atteggiamenti "Slow"
Pazienti

Atteggiamenti "Slow"
Professionisti

1. Nuovo è meglio.La maggior parte dei dispositivi medici approvati dal FDA sono simili a quelli già in uso e sono introdotti soprattutto per motivi commerciali,
senza dimostrazione diretta di efficacia clinica (Tunis JAMA 2003).
Ci sono chiare evidenze scientifiche che le nuove insuline non offrono significativi benefici ai pazienti ma costano molto di più.
La loro formidabile ascesa è attribuibile alla distribuzione di nuove penne per la somministrazione di insulina (Cohen BMJ 2011).
Non lasciarsi sedurre dalle ultime novità.
Abituarsi a domandare al medico quali sono le differenze effettive fra il vecchio trattamento e quello di nuova generazione.
Attenersi alle migliori conoscenze scientifiche.
Prima di adottare una nuova tecnologia sanitaria, valutare anche l’esistenza d’interessi economici e possibili conflitti d’interesse.
2. Tutte le procedure utilizzate nella pratica clinica sono efficaci e
sicure.
Su 2.500 prestazioni sanitarie, supportate da buone evidenze scientifiche, solo il 46% è sicuramente utile e il 4% è giudicato dannoso (Garrow BMJ 2007).
Le cure ricevute dai pazienti sono allineate alle migliori conoscenze disponibili, solo per poco più del 50%. (McGlynn NEJM 2003).
Imparare a fare domande al medico sulla effettiva efficacia dei trattamenti che
vengono proposti.
Ricondurre le decisioni cliniche a linee-guida di riconosciuta validità
scientifica (evidence-based).
Scoraggiare i trattamenti di basso valore clinico (Appleby Kings Fund 2011).
3. L'uso di tecnologie sempre più sofisticate risolverà ogni problema di salute.Meno del 10% di ciò che si spende nel mondo per la ricerca è diretto verso le patologie responsabili del 90% del carico complessivo di malattia (Rochon CMAJ 2004).
La disponibilità di immagini sempre più dettagliate, aumenta gli interventi chirurgici inappropriati alla vescica, al ginocchio e alla colonna (Moynihan BMJ 2011).
Moderare le aspettative e sviluppare un atteggiamento di sano realismo di fronte alla promessa di nuove cure “miracolose”.
Imparare a chiedere al medico cosa si può fare per ridurre i disagi dei sintomi o della malattia.
Ricordare all'opinione pubblica che:
  • la maggior parte delle malattie gravi non può essere guarita;

  • le protesi ogni tanto si rompono;

  • i farmaci hanno anche effetti negativi;

  • molti interventi medici offrono benefici marginali o non funzionano
    affatto;

  • ci sono modi migliori per spendere i soldi che acquistare tecnologia
    sanitaria. (Smith BMJ 1999- modificato).

Aiutare il paziente a sopportare la delusione dell’aspettativa del “miracolo” esplorando cosa si può fare per ridurre il disagio della malattia.
4. Fare di più aiuta a guarire e migliora la qualità della vita.Chi vive in regioni ad alta intensità prescrittiva, sperimenta livelli di sopravvivenza peggiori di chi vive in regioni a bassa intensità (Wennberg BMJ
2011)
.
Quanto più la Società spende per i servizi sanitari tanto maggiore è la percezione degli abitanti di sentirsi malati (Sen BMJ 2002).
La frequenza di interventi invasivi diminuisce quando i pazienti sono attivamente coinvolti nelle decisioni che li riguardano (O’Connor Cochrane
Database Sys Rev 2009)
.
I pazienti terminali affetti da tumore, cui viene data l’opportunità di scegliere secondo le loro preferenze, utilizzano meno interventi invasivi. I
costi più alti sono associati a una peggiore qualità di vita (Baohui Arch Int. Med 2009).
Rivendicare il diritto di essere informati e di partecipare alle decisioni.
Riferire al medico le specifiche esigenze e le proprie preferenze.
Rivendicare il diritto alla speranza e chiedere di non essere lasciati soli nella gestione della malattia.
Incoraggiare i pazienti a porre domande e aiutarli a chiarire le loro esigenze.
Condividere le scelte con i pazienti, mostrando rischi e benefici delle
diverse alternative e lasciando loro il tempo necessario per decidere.
Rispettare le decisioni del paziente ed evitare ogni forma di accanimento
terapeutico.
Mantenere una progettualità condivisa con il paziente, segnalando e chiarendo le tappe e i tempi di tutto ciò che si è deciso di fare.
Non cercare di risolvere il problema delle liste d’attesa agendo unicamente
sulla disponibilità di servizi: quanto più le prestazioni sono accessibili tanto più aumenta l'inappropriatezza.
5. Scoprire una "malattia" prima che si manifesti attraverso i sintomi, è sempre utile.Gli screening possono produrre anche effetti negativi: eccesso di diagnosi e conseguenti terapie inutili, ansia e trattamenti superflui per i falsi
positivi.
Dopo 20 anni di follow-up il numero di decessi per cancro della prostata negli uomini sottoposti allo screening con PSA, non erano diversi da quelli del gruppo di controllo (Sandblom BMJ 2011).
Un uomo di 55 anni, senza specifici fattori di rischio, che esegue regolarmente lo screening riduce il rischio relativo di morire di cancro del
colon del 18%. In altre parole, sottoponendosi allo screening, la sua probabilità di non morire di cancro del colon passa dal 99,22% al 99,34%
(Getz BMJ 2003).
Si stanno diffondendo test di screening (es. la scala peripartum di Edimburgo) che dovrebbero individuare precocemente la comparsa di disagi
psichici, come la depressione. L’efficacia di tali test è ancora da valutare ma esiste il rischio di sovrastimare i casi.
Negli anziani, trattamenti che riducono il rischio di morte per una malattia specifica, potrebbero modificare la causa del decesso, senza prolungare
la vita (Dee Mangin BMJ 2007).
Evitare i check-up. Non fare pressione al medico per ottenere prescrizioni relative a esami di routine.Prescrive solo gli esami motivati da un esplicito percorso diagnostico.
Promuovere solo gli screening di riconosciuta efficacia e spiegare ai pazienti, in modo comprensibile, sia i benefici attesi sia i rischi associati alla
diagnosi precoce.
6. I potenziali "fattori di rischio" devono essere trattati con i farmaci.Le soglie di normalità per pressione arteriosa, colesterolemia, glicemia, densità ossea sono riviste continuamente al ribasso. I confini del patologico
diventano sempre più ampi e il numero di "malati" cresce a dismisura.
Legge dei benefici inversi: i benefici si concentrano sui pazienti più gravi (meno numerosi), gli affetti collaterali sulle persone meno a rischio (il gruppo più consistente) (Brody AJPH 2010).
Adottare stili di vita equilibrati e sobri: mangiare con moderazione, non
eccedere nell'alcool, non fumare, praticare attività sportiva, coltivare interessi diversi.
Consigliare a ogni persona le soluzioni più adeguate al caso specifico, tenendo
conto, sia delle migliori evidenze scientifiche sia delle preferenze, delle
convinzioni e della cultura che esprime.
7. Per controllare meglio le emozioni e gli stati d’animo è utile affidarsi alle cure mediche.Il BMJ ha pubblicato la classificazione internazionale delle non-malattie che raccoglie più di 200 condizioni tra cui: età, ignoranza, calvizie, lentiggini, orecchie a sventola, infelicità, cellulite, gravidanza, solitudine, ecc. (Smith BMJ 2002).
I farmaci sono prescritti anche per affrontare le normali reazioni agli eventi della vita: vecchiaia, morte, lutto, perdita del lavoro, insuccesso, tristezza, rabbia, malinconia, pessimismo.
Non tutto ciò che può nuocere o non ci piace deve essere considerato come una
malattia.
Imparare a riconoscere e a gestire in modo autonomo gli accadimenti e le emozioni proprie della vita di relazione.
Riconquistare il diritto e la capacità di essere tristi, o addolorati, o preoccupati, senza chiedere interventi per anestetizzare le proprie emozioni.
Imparare ad ascoltare i pazienti e a dedicare loro l’attenzione necessaria
per esprimere i loro bisogni cercando, insieme, soluzioni concrete, realistiche
e praticabili.
Imparare a trattare le difficoltà quotidiane della vita dei pazienti come
aspetti della normalità, riducendo il ricorso precoce a interventi farmacologici, psicologici o psichiatrici.

Ferrara, 29 giugno 2011

Scarica l’articolo

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Autorizzo il trattamento dei dati come da policy da me visionata manifestando con la spunta l’intenzione libera, specifica, informata ed inequivocabile di accettare il trattamento dei dati personali che mi riguardano

2019-01-31T12:58:44+01:00

Segreteria

New Aurameeting Srl
Via Rocca d'Anfo, 7 - 20161 Milano

Web: newaurameeting.it